Casino san pablo. Casino Mediceo di San Marco - Wikipedia

Storia e architettura [ modifica | modifica wikitesto ]

Origini [ modifica | modifica wikitesto ]

Il primo palazzo in questo sito, un chasa con corte e loggia confinante con il giardino di San Marco già di Lorenzo il Magnifico, apparteneva ad Ottaviano de' Medici, discendente da un ramo cadetto della famiglia ma sposato con Francesca Salviati, discendente dal ramo primario dei Medici di "Cafaggiuolo" e sorella di quella Maria Salviati, madre di Cosimo I. Ottaviano, che fu padre di papa Leone XI, aveva acquistato la proprietà dalla Compagnia di Tessitori di Drappi, che aveva sede nella vicina Loggia dei Tessitori e della quale resta memoria nel nome della vicina via degli Arazzieri. In seguito alla contrazione di un forte debito con il tesoro dello Stato, Ottaviano fu costretto a cedere il palazzo, che venne incamerato nei beni del Duca Cosimo I. Casino san.

Francesco I e Buontalenti [ modifica | modifica wikitesto ]

Passato a suo figlio Francesco I de' Medici, egli fece ricostruire il palazzo a Bernardo Buontalenti, secondo la moda allora dominante dei "casini" ("ville" di città, circondate da ampi giardini e caratterizzate dal piano nobile al pian terreno invece che al primo piano).

L'edificio fu iniziato nel 1570 e terminato nel 1574, in una zona che, sebbene all'interno delle mura e a pochi passi dal vetusto Palazzo Medici (poi Medici-Riccardi), era ancora caratterizzata tutto sommato da una bassa urbanizzazione. Il Buontalenti creò fantasiose decorazioni tipiche dell'inquieto periodo del manierismo: mascheroni grotteschi ed elementi zoomorfi si affacciano inaspettatamente dagli elementi architettonici, ciascuno con un preciso significato simbolico. L'idea di Francesco era quella di disporre di un luogo dove dedicarsi alla sua passione verso le scienze e la sperimentazione (una specie di versione in grande del celebre Studiolo di Palazzo Vecchio ), oltre alla naturale vocazione del casino come "luogo di delizie". In realtà le decorazioni che si vedono oggi su via Cavour erano destinate al lato interno della villa, per cui sebbene alcuni dettagli siano estremamente raffinati, le aperture sono piuttosto distanti per la vasta facciata e l'insieme un po' scialbo. Inoltre la villa era destinata ad un uso prettamente scientifico, di laboratorio, per cui non necessitava di troppi abbellimenti.

Nella villa ad esempio il Buontalenti sviluppò la tecnica della porcellana Medici, la prima imitazione "a pasta molle" della porcellana cinese eseguita in Europa.

San manuel casino jobs

Don Antonio de' Medici [ modifica | modifica wikitesto ]

Alla morte di Francesco I anche questo palazzo fece parte dell'appannaggio di Ferdinando I de' Medici e nel 1588 ospitò per un periodo l' Opificio delle Pietre Dure. In seguito Ferdinando concesse la proprietà allo scomodo nipote Don Antonio (figlio di Francesco di dubbia legittimità che avrebbe potuto pretendere il trono granducale) in cambio della rinuncia ai suoi diritti dinastici. Don Antonio vi si trasferì dal 1597, commissionando numerosi abbellimenti interni e nel giardino: risalgono a quel periodo una serie di statue di Giambologna, oggi in vari musei. Vi venne creato anche un gabinetto di ricerca, chiamato "Fonderia": tipico luogo di sapere dell'epoca (ancora a metà strada tra le scienze sperimentali e quelle occulte), fu frequentato da diversi studiosi e vi venne costituita una ricca biblioteca sulla materia, oggi confluita nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. A quell'epoca venne curato anche il giardino, con statue, fontane e grotte. All'interno venne anche allestito un piccolo teatro privato.

Carlo de' Medici [ modifica | modifica wikitesto ]

Da magazzino a tribunale [ modifica | modifica wikitesto ]

In seguito pervenne a Cosimo III, il quale si disinteressò dell'edificio consegnandolo ad un'inesorabile decadenza, usandolo come magazzino. Durante l'epoca lorenense venne restaurato e modificato per farne la sede della Dogana ed all'epoca di Firenze capitale ospitò il Ministero delle Finanze. In quel periodo venne aperta anche la via San Leopoldo (oggi il tratto finale di via Cavour ), che fece di quella di che era la facciata retrostante il lato principale sulla pubblica via.

Oggi i locali del Casino sono occupati dalla Corte d'Assise e d'Appello, che ne impedisce la visita per scopi culturali. Il vicino spostamento nel nuovo palazzo di Giustizia di Novoli dovrebbe liberare l'immobile dall'uso amministrativo, ma non si conoscono ancora i progetti per il suo utilizzo futuro.

Harrah casino san diego

Opere già nel Casino di San Marco [ modifica | modifica wikitesto ]

Bibliografia [ modifica | modifica wikitesto ]

Marcello Vannucci, Splendidi palazzi di Firenze, Le Lettere, Firenze 1995 ISBN 887166230X

Claudio Paolini, Vincenzo Vaccaro, Via Cavour. Una strada per Firenze Capitale, Edizioni Polistampa, Firenze 2011

Altri progetti [ modifica | modifica wikitesto ]

Casino in san diego

Posted by at 07:33PM

Tags: casino san pablo, casino in san jose, valley view casino san diego, casino san clemente, best casino in san diego, casino san diego area, valley view casino center san diego, san manuel casino jobs, casino in san diego, harrah casino san diego

Overall rating page: 3.66/5 left 50949 people.

Comments

There are no comments for this post "Casino Mediceo di San Marco - Wikipedia". Be the first to comment...

Add Comment